Panoramica Fotografica COMPARTO 1 Viale della Torre Isola delle Femmine

Lotto intercluso, Lotto Occluso, Lotto Chiuso, Lotto Aperto e alla fine la licenza è legittima?

PORTOBELLO basta con le falsità sul PRG 7.8.07
Caricato da isolapulita. – Guarda gli ultimi video.

Il Professore Gaspare Portobello “Sindaco” del Comune di Isola delle Femmine è aduso a dimenticare oltre che a contraddirsi su delle Sue affermazioni e prese di posizioni.
Comportamenti che danno luogo a repentini quanto “furbeschi” cambiamenti, passando così da una posizione di ambientalista e difensore del territorio ad inconsapevole selvaggio aggressore del territorio, favorendo così inconsapevolmente costruttori speculatori e affaristi di ogni sorta.

Io sono convinto che è solo un problema di dimenticanza la Sua

per esempio il 7 agosto dell’anno 2007 affermava:

“….come si concilia il voto favorevole di una revoca di un parco urbano con una delibera del 97 supportata da un parere tecnico di un illustre luminare l’architetto Di Cristina parte integrante della delibera?. …
..come si fa a conciliare l’ipotesi del Professore Di Cristina che dice che in quella zona non si può edificare.?
…questo bisogna spiegare alla cittadinanza come si fa a conciliare i due pareri nettamente in contrasto tra loro.
….noi di “isola per tutti” non siamo d’accordo su questi emendamenti,
NOI NON FAREMO MAI COSTRUIRE in un’area urbana a destinazione urbanistica: PARCO PUBBLICO
…c’è un comitato spontaneo dell’ EX CONSIGLIERE che recepisce lamentele dal punto di vista politico….”

prima di ascoltare dalla sua viva voce ciò che ha dimenticato oggi ciò che aveva affermato di dire ieri, è opportuno dire che il Signor “Sindaco” Professore Gaspare Portobello :


a) CERTAMENTE il nostro caro “Sindaco” Professore Gaspare Portobello vedeva già nei suoi occhi l’immagine di bambini che intrattenuti da giovani animatori giocavano sorridenti e saltellanti in giro per il PARCO URBANO.
Erano nitide in LUI le immagini di coppie di giovani turisti che amoreggiavano sulla lunga distesa del prato verde del PARCO URBANO.
Certamente nelle sue fantastiche immagini non potevano non esserci i turisti stranieri e non che si godevano la frescura favorita dalla folta vegetazione del PARCO URBANO.
Le note di una musica diffusa favorivano le penichelle dei bagnanti che stanchi e accalorati dal sole cocente delle favolose spiagge isolane, si rifugiavano nel grande PARCO URBANO del COMPARTO 1.
b) CERTAMENTE non voleva assolutamente che si costruisse nel comparto 1 (Viale della Torre, quasi angolo via Rosolino Pilo Isola delle Femmine) , si è così autocostretto, Suo malgrado, a concedere la licenza a costruire il 14 maggio dell’anno 2009 LICENZA EDILIZIA POMIERO MARIA GRAZIA . E questo a poco più di un anno di distanza alle elezioni comunali che lo vide VITTORIOSO per la seconda volta da “Sindaco”.
Come si dice?: Piatto ricco mi ci ficco!

c) CONSAPEVOLE che in questa sua presa di posizione aveva (pensate! già allora) un alleato eccellente che diventerà il fiore all’occhiello della lista che lo porterà alla vittoria di circa DUE ANNI DOPO. (100 voti sono sempre buoni per il LISTONE. Ogni cacatedda di musca e’ sustanza)

Il “Sindaco” Professore Gaspare Portobello in questa Sua battaglia “ambientalista” (mi metto di traverso se costruiscono in un’area destinata a PARCO URBANO) trova un’alleato nella Commissione Edilizia Comunale che precisamente nella sua seduta del 19.12.07 nell’esaminare il punto 4 all’ordine del giorno (pratica 21 del 2006): “.. sospende la pratica ai sensi della normativa sulle norme di salvaguardia …il PRG adottato nel 2007 la zona ricade in zona denominata F1 PARCO URBANO……”.

In coerenza a questa Sua anima ambientalista la Commissione Edilizia Comunale è costretta a rigettare anche la pratica 34 del 2005 ( della moglie dell’”ASSESSORE che nulla firma”) posta al 3° punto all’ordine del giorno della seduta della CEC. La richiesta riguardava l’edificazione di una villetta bifamiliare in un lotto di terreno (Corso Italia) che il PRG adottato nell’agosto del 2007 aveva destinato a VERDE AGRICOLO.

E POI COSA SUCCEDE?

COSA CAMBIA ?

PERCHE’ SI COSTRUISCE COMUNQUE?

MA SI!

LE ELEZIONI PERMETTONO DI FARE AD ALCUNI ED IMPEDIRE DI FARE AD ALTRI.


Visualizzazione ingrandita della mappa
Comparto1 Parco Urbano

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Promemoria per il geometra ………..
“Il sindaco Bologna – si legge in una nota del gruppo consiliare di An a firma del capogruppo Vincenzo Dionisi – ha volutamente omesso di comunicare la notizia che il realizzando parco giochi in una nuova strada Prg in vicinanza della via San Giovanni Bosco è un optional, in quanto alla sua amministrazione sta a cuore realizzare una strada con parcheggi, fognatura ed illuminazione che per caso ed ironia della sorte, lambiscono immobili di proprietà di un assessore comunale e di un consigliere della maggioranza”. I due parchi dove i bambini potranno trascorrere ore spensierate saranno realizzati in via Libertà e in strada nuova in vicinanza della via San Giovanni Bosco in ottomila metri quadrati. Luoghi verdi tra le numerose lottizzazioni che negli anni 80 sono state realizzate proprio in quell’area. L’importo complessivo dell’opera finanziato e dal comune e dalla casa depositi e prestiti si aggira intorno ai 730 milioni. Centocinquanta milioni soltanto per espropriare i terreni. Per finanziare l’opera l’amministrazione comunale aveva chiesto e ottenuto un mutuo di 600 milioni per realizzare il primo stralcio dei due parchi. Ma l’iter del progetto è stato quanto mai travagliato anche per il ricorso presentato da An. “il ricorso di questo gruppo di An al Coreco era pertinente in quanto nel programma triennale delle opere pubbliche 97/99 si parlava di realizzare due parchi giochi e non già di realizzare una strada nuova di Prg in vicinanza della via San Giovanni Bosco che stranamente è spuntata fuori non si sa bene come nel programma 98/2000 carteggio negatoci in visione”. Il primo cittadino che aveva annunciato l’inzio dell’iter per l’esproprio dei terreni e dunque al conseguente pubblicazione della gara ricorda che “alla fine il progetto è stato aprovato dal Coreco e che tutto era perfettamente previsto nel piano triennale – afferma Stefano Bologna – poi alla fine voglio sommessamente ricordare che come sanno tutti a Isola delle Femmine che tra i firmatari del ricorso al Coreco contro i parco giochi c’erano nipoti e figli di noti costruttori che per anni hanno costruito in quella zona. Tutto il resto sono accuse gratuite” (i.m.) IL MEDITERRANEO 3 marzo 1999 si è in prossimità delle elezioni amministrative che si terranno il mese di giugno del 1999
§ autorizzazione edilizia in sanatoria per una piscina abusiva;
§ concessione edilizia (al padre) per completamento di un fabbricato abusivo nei 150 metri dalla battigia (nel rilievo aerofotogrammetrico del 1977 il fabbricato non esiste);
§ concessione edilizia per la costruzione di un villino bifamiliare in “lotto intercluso” ove già aveva realizzato una villa unifamiliare e piscina con un’altra concessione edilizia.
CONSIDERAZIONE FINALE : ALLA FACCIA DELLA TRASPARENZA E DELLE SFINGE DI SAN GIUSEPPE.
MORALE DELLA FAVOLA : ANCORA ISOLA DELLE FEMMINE E’ SENZA UN P.R.G. E LA STORIA CONTINUA
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

PROVINCIA DI PALERMO

III SETTORE UTC – I SERVIZIO: URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

IL RESPONSABILE DEL III SETTORE U.T.C.

CONCESSIONE EDILIZIA N. 13 DEL 14/05//2009

(pratica edilizia n. 11/ 13 – 2008)
* * * *
VISTA la Legge urbanistica n. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni;
VISTA la Legge n. 10 del 28/01/1977;
VISTA il D.M. LL.PP. del 10/05/1977;
VISTA la Legge n. 457 del 05/08/1978;
VISTA la Legge Regionale n. 71 del 27/12/1978;
VISTA la Legge Regionale n. 70 del 18/04/1981;
VISTA la L.R. n. 4 del 2003;
VISTA La L.R. n. 7 del 2003;
VISTA l’istanza di concessione edilizia per il piano planivolumetrico sul lotto identificato al fg. 1 – p.lle nn. 927-935 e 941, inoltrata in data 06/05/2008 – p.llo n° 5582 inoltrata dalla sig.ra
POMIERO MARIA GRAZIA, nata a Isola delle Femmine, il 9 dicembre 1968, nella qualità di rappresentante legale della “Sorelle Pomiero s.n.c. di Pomiero Maria Grazia”, con sede in Isola delle Femmine, via S.re D’Acquisto n. 2, partita iva: 04981150826, con allegati gli elaborati grafici a firma del progettista incaricato, il geometra Giovanni Impastato, iscritto al Collegio dei Geometri della provincia di Palermo al n° 2403, composti da: tavola n. 1 – Relazione tecnica; Tavola n. 2 – Stralci; Tavola n. 3 – Planivolumetrico; Tavola n. 4 – Reti Tecnologiche;
VISTO l’atto di compravendita del 30/07/2002 – repertorio n. 45811 – raccolta n° 15751, stipulato presso il Notaio Marcello Orlando, del Collegio Notarile di Palermo, registrato in Palermo il 9/8/2002 al n° 3535;
VISTO l’atto di costituzione della società “Sorelle Pomiero s.n.c. di Maria Grazia Pomiero”, del 09/04/2001 – repertorio n° 62661 – ra ccolta n° 22128, sottoscritto presso il Notaio Dr. Francesco Pizzuto, iscritto al Ruolo del Collegio Notarile di Palermo, e registrato in Palermo il 17/04/2001 – al n° 23454; trascritta presso la CC.RR.II. di Palermo il ……….. ai nn. ………/………..
VISTA la nota trasmessa dall’istante in data 11 luglio 2008 – p.llo n. 8891, con la quale viene integrata la pratica degli elaborati grafici architettonici dei singoli corpi di fabbrica, tipologia A-B e C;
VISTA la nota integrativa del 12 dicembre 2008 – p.llo n° 15023, con la quale la sig.ra Pomiero Maria Grazia, trasmette copie del planovolumetrico delle tavole n. 1-2-3 e 4 e copie della tipologia delle ville da realizzare, a firma Geometra Giovanni Impastato;
VISTO il parere reso dall’Assessorato Territorio ed Ambiente – p.llo n. 74389 del 01.10.2008 – indirizzato al Comune di Isola delle Femmine ed introitato in data 10.10.2008 –con nota p.llo n. 12236, in risposta al quesito posto da questo U.T.C. con nota p.llo 7611 del 11.06.2008, sulla possibilità di rilascio di concessioni dirette su lotti interclusi o residui in zona “B” e “C”;
VISTO il parere della C.E.C. del 12.12.2008, (pratica edilizia n. 11/2008) con la quale esprime all’unanimità parere favorevole a condizione che: 1) il richiedente costituisca servitù di passaggio carrabile e per i servizi di larghezza non inferiore a m. 6 per potere accedere all’area che intende cedere al Comune; 2) le sagome dei fabbricati indicati nella planimetria generale siano meramente indicativi;
VISTO il parere della C.E.C. del 22 gennaio 2009, espresso favorevolmente alle seguenti condizioni:
1) Venga stipulato atto unilaterale d’obbligo, prima del rilascio della concessione edilizia per la realizzazione dei singoli corpi di fabbrica, per la cessione al comune, a titolo gratuito, dell’area prevista;
2) Venga urbanizzata con manto stradale, luce, rete idrica e fognaria, la stradella di accesso ai lotti entro la fine dei lavori.
3) Il richiedente costituisca servitù di passaggio carrabile e per i servizi per potere accedere all’area che si intende cedere al comune;
4) Il fabbricato denominato “A” venga traslato verso NORD in modo che il distacco dalla stradella di accesso ai lotti non sia inferiore a mt. 5,00;
5) Non vengano realizzati i pilastrini (di alcun tipo) all’interno dei distacchi dai confini. Rettifica in planimetria dei corpi B e C in planimetria generale, dovendosi gli stessi specchiare.
VISTA la nota di integrazione-documentazione introitata del 18/02/2009 – protocollo n° 3010, costituita dal progetto adeguato alle prescrizioni della C.E.C. del 22.01.2009, a firma del geometra Giovanni Impastato;
Vista la dichiarazione sottoscritta dalla sig.ra Pomiero Maria Grazia” e trasmessa con nota del 19/02/2009 – p.llo n. 3103, con la quale attesta: Di non essere sottoposta a procedimento penale per gli att. 416 bis “Associazione di tipo mafioso”, 648bis “Riciclaggio”, e 648 ter del Codice Penale; Di non aver subito condanne con sentenza passata in giudicato per i reati di cui agli artt. 416 bis e 648 bis del Codice Penale;
Vista la dichiarazione sostitutiva sottoscritta con nota p.llo n. 3103 del 19.02.2009, ai sensi degli articoli 46 e 47, 75/76 del DPR n. 445/2000, dal progettista incaricato, il Geom. Impastato Giovanni, nato a Partinico il 21.03.1951 ed iscritto al collegio dei geometri della Provincia di Palermo al n. 2403, con la quale dichiara che nel caso specifico del progetto inoltrato in data 11.07.2008 – p.llo n. 8891 e successive integrazioni, non ricorrono i presupposti per la redazione del progetto degli impianti tecnologici (idrico, elettrico e climatizzazione) come indicato nell’articolo 5 del DM 37/2008 – comma 2°. (…);
Vista la dichiarazione, sostitutiva sottoscritta in data 19.02.2009 – p.llo n. 3103, ai sensi degli artt. nn. 46/47 del D.P.R. n. 445/2000, dalla sig.ra Pomiero Maria Grazia, che in riferimento alla richieste del 11.07.2008 – p.llo n. 8891 e successive integrazioni, l’atto di compravendita racc. n. 45811 – rep. n. 15751 del 30.07.2002 – stipulato presso il notaio Marcello Orlando, e registrato in Palermo il 09.08.2002 – al n. 3535, è conforme all’originale;
Visto l’atto di vincolo a parcheggio del 05/03.2009, redatto ai sensi della L. n. 765 e della Lr. 19/72 e ss.mm.ii., sottoscritto dalla ditta istante presso questo Comune il Segretario Comunale, il Dr. Manlio Scafidi, identificato al repertorio n. 860/2009 – trascritto in data 12.03.2009 ai nn. 22312/16140. Con tale atto viene vincolata un’area a parcheggio per una superficie complessiva di mq. 135,00, distinta in tre aree, ciascuna di 45,00 mq. Il tutto sul lotto identificato al catasto terreni al fg. n. 1 – p.lle nn. 927, 935 e 941. Vista la nota p.llo n. 4692 del 19.03.2009 – con la quale la ditta istante, trasmette il deposito del Genio Civile di Palermo, p.llo n. 6170 C.5 del 18/03/2009 – ai sensi della L. 64/74 art. 17 – per la “costruzione di tre ville con struttura portante in c.a., a due elevazioni f.t. oltre sottotetto con copertura a falde, site in viale della Torre, su terreno identificato al NCT al fg. 1 –p.lle nn. 927-935-941. Dalla deposito dei calcoli presso il genio civile, risulta che:
· il progettista e direttore dei Lavori delle strutture è: l’ingegnere LA DUCA ANTONINO, iscritto all’ordine degli ingegneri della Provincia di Palermo al n. 4847, e residente in Palermo, via Vincenzo Di Marco n. 45;
· il Direttore dei lavori dell’architettonico è: il Geometra Impastato Giovanni, residente in Isola delle Femmine, vis Romeo n. 121 – iscritto al collegio dei geometri della Provincia di Palermo al n. 2403;
· il collaudatore statico nominato è: l’ing. Barbozza Carlo , residente in Palermo, iscritto all’ordine degli Ingegneri di Palermo al n. 4177;
· i lavori saranno realizzati dalla stessa ditta concessionaria “Sorelle Pomiero snc”;
Vista la Delibera di Giunta n. 30 del 27/03/2009, con la quale la ditta istante è autorizzata, su richiesta presentata in data 18.03.2009 – p.llo n. 4615, alla monetizzazione in sostituzione di porzione di terreno pari a mq. 192 (quota parte dell’area identificata al NCT al fg. 1 – p.lla n. 941), per un ammontare di € 29.760,00;
Vista la nota di questo U.T.C.- p.llo n. 7677 del 08.05.2009 con la quale viene effettuata la richiesta di pagamento per la monetizzazione di porzione della area di cui alla D.G.C. n. 30 del 27/03/2009;
Vista la ricevuta del bonifico bancario del 12/05/2009 – effettuato presso la Banca Nuova, agenzia di Isola delle Femmine – per importo pari ad € 29.760,00 – rif. 0102761/2/51/0, a titolo di monetizzazione aree di cui alla D.G.C. n. 30/2009;
Visto il parere favorevole dell’AUSL del 27/02/2009 – p.llo n. 312/IP, introitato in questo Comune con nota p.llo n. 3095/3570 del 02/03.2009;
Vista la dichiarazione sostitutiva del 07/05/2009 – p.llo n. 7572, sottoscritta dal Geometra Impastato Giovanni, iscritto al collegio dei Geometri della Provincia di Palermo, al n. 2403, nella qualità di progettista incaricato, il quale ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 – articoli nn. 46, 47,75 e 76, dichiara “di avere trasmesso presso la Soprintendenza ai BBCCAA di Palermo, in data 09 maggio 2008 – p.llo n. 2011 e successiva integrazione del 11/07/2008 –p.llo n. 3116, lo stesso progetto che ha ottenuto il parere favorevole della C.E.C., relativo l’intervento di concessione edilizia, e che dalla data della ultima integrazione trasmessa alla Soprintendenza ai BBCCAA, sino alla data odierna, sono decorsi oltre 120 giorni, senza richiesta di integrazione o sospensione da parte della Soprintendenza ai BBCCAA.” ….”intendendo, quindi il parere della soprintendenza ai BBCCAA assentito, come previsto dall’articolo 46 della Legge regionale n. 17 del 28 dicembre 2004. Vista la lettera dei pagamenti p.llo n. 7891 del 14/05/2009, dovuti a titolo di oneri concessori per i tre copri di fabbrica – determinati dal progettista incaricato, trasmessi in data 19.03.2009 – con nota p.llo n. 4692, e ritenuti congrui dall’U.T.C.
Gli oneri concessori dovuti, ammontano complessivamente ad € 17.775,60, cosi suddivisi: a)
11.346,39 per oneri di urbanizzazione. b) € 6.429,21 per costo di costruzione.
Relativamente agli oneri di urbanizzazione risulta versata con bollettino postale n. vcy 0957 del 14/05/2009, € 2.269,28 a titolo di 1° rata;
Le restanti 4 (quattro rate), di eguale importo pari ad € 2.269,28, per oneri di urbanizzazione dovranno essere pagate entro le seguenti date: 1) 11 novembre 2009; 2) 10 maggio 2010; 3) 06 novembre 2010; 4) 05 maggio 2011;
Relativamente al costo di costruzione risulta versata con bollettino postale n. vcy 0959 Del 14/05/2009, pari ad € 1.928,76, a titolo di 1° rata;
Le restanti 2 (due) rate del costo di costruzione dovranno essere pagate entro le seguenti date:
1) € 1.928,76 entro un anno dalla data di inizio dei lavori; 2) € 2.521,68 entro 60 (sessanta) giorni dalla data di ultimazione dei lavori e comunque prima del rilascio del certificato di agibilità/abitabilità.
Visto il bollettino di pagamento di € 516,00 per diritti di segreteria – n. vcy 0958 del 14.05.2009
Viste le polizza fidejussorie nn. 53375659 e 53375660 del 14/05/2009, stipulato presso l’agenzia di UNIPOL UGF assicurazione di Carini, a garanzia degli importi residui degli oneri di urbanizzazione, pari ad € 9.077,11 ed a garanzia del costo di costruzione residuo pari ad € 4.500,45;
Visto il P.R.G. approvato con D.A. n. 121/83;
Visto IL P.R.G. ed i relativi emendamenti adottato con Delibera n. 33 del 01/08/2007;
Visto il modello ISTAT n. 02152011;
Per tutto quanto sopra;
RILASCIA
fatti salvi i diritti di terzi, alla “Sorelle Pomiero s.n.c. di Pomiero Maria Grazia”, con sede in Isola delle Femmine, via S.re D’Acquisto n. 2, partita iva: 04981150826, la concessione edilizia per la realizzazione da eseguirsi sul lotto di terreno censito al N.C.T. al foglio di mappa n° 1 – p.lle nn. 927-935 e 941, consistenti nella realizzazione delle opere di urbanizzazione e della realizzazione di tre villette unifamiliari su due livelli fuori terra, ciascuna di mc. 429,30, identificate con la tipologia A, B e C, superficie massima coperta al piano terra pari a mq. 77,25. Il tutto su un lotto esteso catastalmente complessivamente mq. 1975 Tale concessione viene rilasciata in conformità al progetto allegato, costituto da 7 (sette) tavole, qui appresso indicate: 1) tavola n. 1 – relazione tecnica – p.llo n. 15023 del 12.12.2008; 2) – tavola n. 2 – stralci – p.llo n. 15023 del 12.12.2008; 3) – tavola n. 3 – planimetria scala 1:500 – p.llo n. 3010 del ½.2009; 4) – tavola n. 4 – reti tecnologiche – scala 1:500; 5) – tavola n. 5 – planimetria scala 1:200 – profilo long. – p.llo n. 3010 del 18.02.2009; 6) – tavola n. 6 –elaborati grafici – villetta tipo “A” – p.llo n. 3010 del 18.02.2009; 7) – tavola n. 7 – elaborati grafici – villette tipo “B” e “C” – p.llo n. 3010 del 18.02.2009; che ne fa parte integrante e sostanziale del presente provvedimento e sotto l’osservanza dei regolamenti comunali di edilizia e di igiene e di tutte le disposizioni vigenti, nonché delle prescrizioni di cui al parere della C.E.C..e dei citati nulla osta e pareri e delle seguenti prescrizioni:
L’INIZIO DEI LAVORI È SUBORDINATO:
A) Alla trasmissione presso questo U.T.C. della convenzione con la ditta specializzata ed autorizzata per il conferimento in discarica degli inerti, come disposto dalla Circolare della Provincia Regionale di Palermo, protocollo n. 891/Ass.ore del 26/10/2006, ed articolo n. 192, comma 1 del D.Lgs. 152/2006 (testo unico ambientale);
B) Alla trasmissione presso questo UTC del D.U.R.C. (Documento Unico di Regolarità Contributiva) dell’impresa edile realizzatrice, come disposto dalla Circolare del Ministero del Lavoro e politiche sociali, del 22 dicembre 2005, n. 3144;
C) alla trasmissione del progetto per il risparmio energetico in ottemperanza alla normativa vigente in materia;
D) alla sottoscrizione del progetto degli impianti tecnologici dalle ditte esecutrici come previsto dal DM n. 37/2008;
E) agli adempimenti di cui alla legge 2/2/1974 n. 64 per le opere in cemento armato, e a quelli previsti dalle vigenti norme antisismiche;
si specifica altresì che:
· Nessuna modifica può essere apportata al progetto senza autorizzazione/concessione comunale, pena le sanzioni di cui alla L.R. 37/85 e L. 47/85 e ssmmii;
· Debbono essere fatti salvi, riservati e rispettati tutti i diritti di terzi;
· Le opere dovranno avere inizio entro un anno dal rilascio della presente ed essere ultimate e rese abitabili entro tre anni dal loro inizio, pena la decadenza;
· Nel cantiere deve essere esposta una tabella indicante numero, data e oggetto della concessione, le generalità del proprietario, del progettista, del direttore del Lavori, e dell’assuntore dei lavori, come prescritto dalla L.R. 37/85;
· Il cantiere sui lati prospicienti spazi pubblici deve essere chiuso con assiti e delineato con segnalazioni anche notturne. L’eventuale occupazione di suolo pubblico dovrà essere preventivamente autorizzata;
· E’ vietata la manomissione dei manufatti dei servizi pubblici, la cui presenza dovrà essere segnalata subito all’Ente proprietario;
· La presente concessione dovrà essere custodita sul luogo dei lavori ed esibita al personale di vigilanza e di controllo del Comune, autorizzato ad accedere al cantiere, come prescritto dalla L.R.37/85;
· E’ prescritta l’osservanza di tutte le disposizioni di legge e regolamenti vigenti in materia, anche se non richiamate nel presente provvedimento;
· Le violazioni e le inosservanze delle norme vigenti o di quanto prescritto con la presente concessione saranno punite come previsto dalle L.R. 71/78 e 37/85 e L.47/85;
Si autorizza l’apertura al cantiere e l’allaccio idrico per uso cantiere.
Il Responsabile del I servizio
Arch. Sergio Valguarnera
Il Responsabile del III Settore
Arch. Sandro D’Arpa
SI CERTIFICA
Su conforme relazione del messo comunale, che la presente concessione è stata pubblicata all’albo pretorio, ai sensi dell’art. 37 della L.R. 71/78 per 15 giorni consecutivi, dal ………………….. al ………………… e che contro la stessa ………..… sono stati presentati opposizioni o reclami.
Isola delle Femmine, ………………….. Il Segretario Comunale
Dr. Manlio Scafidi
La sottoscritta societa Sorelle Pomiero s.n.c. di Pomiero Maria Grazia”, con sede in Isola delle Femmine, via S.re D’Acquisto n. 2, partita iva: 04981150826, DICHIARA di obbligarsi all’osservanza di tutte le condizioni della presente concessione cui essa è subordinata e pertanto consente e vuole che la presente venga trascritta a favore del Comune di Isola delle Femmine contro esso stesso dichiarante, esonerando all’uopo il Signor Conservatore dei RR.II. di Palermo da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo.
Isola delle Femmine, ………………………
IL CONCESSIONARIO
……………………………………………..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...